Mav Crypto: che cosa sono e come verrà utilizzato il suo protocollo?

1
MAV Crypto

Che cosa intendiamo con il termine Mav Crypto che poi tradotto è la criptovaluta Maverik, ebbene questa è un AMM, ovvero un automated marker maker che è costituita da un design infrastrutturale davvero unico che riesce a rendere decisamente più facile il lavoro degli utenti, gli stessi che riescono cosi a massimizzare quella che è l’efficienza del capitale, riuscendo a concentrare la liquidità in base a quelli che sono gli andamenti dei prezzi.

Per capirci ancora meglio, Maverick Protocol è un vero e proprio protagonista della finanza decentralizzata che ha l’obiettivo di andare a sistemare o per meglio dire ridefinire quelli che sono gli standard del settore, riuscendo anche a migliorare da una parte l’efficienza e dall’altra la liquidità. Ma non finisce qua, Maverick Protocol riesce anche a sfruttare quello che è il sistema di Automated Marker Maker, come detto prima, un sistema che è stato creato con il preciso scopo di potere ottimizzare quelle che sono le risorse e il loro impiego. Di fatto è un sistema che rende più facili le transazioni che diventano al tempo stesso più fluide e anche più efficienti.

Questo protocollo ha raccolto il sostegno di diverse persone o per meglio dire di un numero considerevole di investitori, tra di loro anche personaggi con nomi di grande importanza e rilevanza per quello che concerne il settore del capital e delle criptovalute. Per capirci meglio, con il supporto di questo settore, cosi come spiegano gli esperti: “L’impatto potenziale di Maverick Protocol sull’industria DeFi, evidenzia anche la fiducia che questi investitori ripongono nella sua visione e tecnologia”.

E’ una strategia davvero molto precisa che si struttura intorno a tre fasi importanti e fondamentali, tutte fasi che meritano di essere affrontate sotto diversi aspetti: nella prima fase viene introdotto un AMM di Distribuzione Dinamica che poi altro non è che un approccio che ha la capacità di regolare in modo del tutto dinamico quella che è la distribuzione della liquidità di base, riuscendo cosi anche a favorire il miglioramento delle condizioni di mercato.

Poi, nella seconda fase ci si concentra su quella che è l’efficienza ad incentivare la liquidità e nel contempo si introducono anche degli strumenti come ad esempio quelli relativi alla posizione potenziata, si tratta di uno strumento che a tutti gli effetti è stato progettato con il preciso scopo di potere aumentare e incentivare quella che è la liquidità in modo efficace e mirando dritto al punto, per potere affrontare quello che è il problema della liquidità stessa.

Per finire, la terza fase che poi altro non è che quella costituita dal modello di Escrow di Votazione, è una fase che ha come scopo quella di potere perfezionare i meccanismi della governance, cosi da riuscire a dare un incentivo verso quella che è una eventuale partecipazione a lungo termine dentro l’ecosistema.

Insomma per capire meglio la questione, le MAV Crypto stanno facendo dei panni in avanti di non poco conto, specialmente per quello che concerne il miglioramento dello spazio DEFI e in che modo: aumentando l’efficienza del capitale, incentivando la fornitura di liquidità e migliorando i meccanismi di governance. E’ un approccio decisamente innovativo che trova anche il supporto di quelli che sono gli investitori che di fatto, specialmente negli ultimi tempi, lo ha posizionato come un fornitore chiave.

mav crypto come funziona?

Ma ora entriamo nel dettaglio di una nuova domanda: in che modo le MAV Crypto possono essere protette? Partiamo da un presupposto, il protocollo Maverick ha dentro di se un sistema multifaccettato che ha la capacità di potere garantire la sicurezza delle infrastrutture, si tratta di un quadro di sicurezza che ha scopo finale quello di proteggere gli asset degli utenti e cercare di lasciare che i sistemi attraverso cui operano siano davvero robusti.

Ebbene, per potere permettere tutto questo, il protocollo Maverick cosa fa? Si sottopone a degli audit gestiti da altre organizzazioni, un particolare di non poco conto atto a potere identificare le varie vulnerabilità e al tempo stesso assicurare che tutto proceda in modo sicuro e che tutto funzioni come previsto. Ancora, ha al suo interno un monitoraggio on-chain che permette una sorveglianza in tempo reale di quelle che sono le transazioni e le attività sulla blockchain, cosi da  consentire una vera e propria rilevazione in tempo reale di quelli che possono essere comportamenti sospetti o magari minacce alla sicurezza.

Per finire, un altro sistema che ha a che fare con la sicurezza è il modello di governance che al momento va avanti sotto la supervisione della comunità GEAR. Il suo lavoro fa in modo che nessun individuo possa avere una chiave amministrativa, eliminando a priori quello che può essere un fallimento della sicurezza, per intenderci tutte quelle che sono le decisioni, gli aggiornamenti o le misure di sicurezza vengono prese dalla comunità in modo collettivo

Ma non finisce qua, di recente le MAV Crypto hanno anche inserito al loro interno dei protocolli di sicurezza per gli asset degli utenti, si tratta di protocolli nati e progettati con il preciso scopo di potere diminuire i rischi e dare cosi la giusta tranquillità che serve agli utenti. Il risultato è la costruzione di una certa fiducia e di un certo coraggio da parte di tutti.

È importante che gli utenti conducano la propria ricerca e comprendano i rischi associati all’investimento in criptovalute e progetti DeFi. Sebbene il Protocollo Maverick adotti misure estensive per garantire la sicurezza, la natura dinamica ed in evoluzione dello spazio blockchain richiede agli utenti di rimanere informati e cauti” confermano poi gli esperti del settore.

Mav Crypto: come viene utilizzato e quali sono i rischi?

Arrivati a questo punto, adesso che sappiamo di che cosa stiamo parlando, possiamo entrare ancora di più nel vivo del discorso. Il protocollo Maverick è a tutto gli effetti un sistema destinato a potere rivoluzione quelle che sono le tecniche e il panorama della finanza decentralizzata, cosi da arrivare ad essere una infrastruttura davvero rivoluzionaria che possa migliorare tanti punti del settore.

“Introduce un approccio innovativo alla DeFi attraverso la sua tecnologia di Automated Market Maker (AMM), progettata per ottimizzare le operazioni di mercato per una varietà di stakeholder inclusi trader, fornitori di liquidità, tesorerie di organizzazioni autonome decentralizzate (DAO) e sviluppatori” spiegano gli esperti e ancora: “Il protocollo opera su una strategia di sviluppo multi-fase per affrontare aree specifiche di inefficienza all’interno dello spazio DeFi”.

Nel corso della sua esistenza il protocollo Maverick ha raggiunto diversi traguardi molto significativi che non hanno fatto altro che fare capire portare una costante e sempre crescente influenza dentro il settore della finanza. Gli audit che sono stati completati fanno parte di aziende rinomate quali: SigmaPrime, Chainsecurity, Consensys Diligence, Mixbytes, Peckshield, ABDK e Immunefi.  Sono tutti audit fondamentali che non fanno altro che garantire quella che è una sorta di sicurezza e anche affidabilità del protocollo, dando cosi agli utenti la garanzia e la fiducia delle operazioni che portano avanti.

Per capire inoltre come funziona questo sistema, è necessario anche capire come l’engagement della comunità sia davvero un pilastro fondamentale all’interno della sua strategia, cosi come hanno raccontato gli esperti del settore: “Iniziative degne di nota includono la distribuzione da parte di Unlock Labs dei token di governance UDT e l’organizzazione di un webinar volto ad integrare la biglietteria per eventi collaterali onchain per ETHDenver”. Tutti una serie di eventi che sono il risultato dei vari sforzi del protocollo per avere sempre una comunità che opera attiva e sul pezzo.

Quello che inoltre forse in pochi sanno è che il protocollo Maverick nel corso del tempo ha portato avanti dei passi davvero significativi specialmente dal punto di vista dello sviluppo tecnologico, in modo particolare per via del lancio del nuovo sistema di Automoted Marker Maker che di fatto è proprio un sistema atto per potere eliminare quelle che sono le inefficienze nella DEFI, anche in questo caso le fasi di cui tenere conto sono tre: migliorare l’efficienza del capitale attraverso l’introduzione del primo AMM di Distribuzione Dinamica, migliorare l’efficienza dell’incentivazione della liquidità tramite lo strumento Boosted Position e inserire un modello di voto escrow per affinare ulteriormente il suo design metaprotocollo.

Ebbene, questo approccio ha di fatto portato a se grande attenzione e anche tanti importanti investimenti, riuscendo ad assicurare un totale di 9 milioni di finanziamenti, un risultato davvero clamoroso nel mondo delle criptovalute. Di fatto anche il sostegno finanziario non fa altro che collocare il protocollo Maverick al punto di essere un elemento davvero forte nel mondo DeFi. Detto questo, il consiglio resta sempre quello di prestare molto attenzione a quello che si fa, chi è interessato a tuto questo, fa sempre bene a condurre prima delle ricerche approfondite che possano anche fare scoprire quelli che son i rischi a cui andare incontro, cosi da avere le carte sul tavolo ben scoperte.

Adesso è il tempo di porsi ancora una nuova domanda: come si fa a comprare le MAV Crypto? Per poterlo fare tanto per cominciare si deve andare sulla piattaforma Bitcoin Store e poi proseguire con l’acquisto che avviene in modo davvero facile, con esso è possibile anche comprare altre 170 criptovalute al tasso di cambio in tempo reale con la presenza di commissioni davvero basse.

Allora, si comincia con il creare a verificare il proprio account presente sulla piattaforma di trading e poi cosi avere il primo e completo accesso. Una volta fatta la verifica non si deve fare altro che depositare i soldi nel portafoglio Bitcoin Store, tra i metodi di pagamento ci sono:

  • Internet o mobile banking
  • deposito con carta (VISA, Mastercard)
  • bonifico bancario
  • pagamento con bollettino
  • pagamento in contanti presso l’ufficio di cambio fisico di Bitcoin Store

Quando si è ricevuto poi il pagamento, si andrà incontro a dei fondi per l’acquisto di criptovalute che saranno direttamente disponibili nel portafoglio Bitcoin Store e da li si potrà cominciare con l’acquisto.

A questo punto, però, è bene essere a conoscenza di quelli che possono essere i rischi: tanto per cominciare è necessario sapere che è possibile effettuare delle transazioni semplici ma al tempo stesso sicure senza l’aiuto o il supporto di intermediari e senza un registro centrale, un dettaglio non da poco che ha di fatto messo in mezzo la necessità di avere una nuova legislazione che potesse aumentare la protezione contro i rischi.

Dentro ai nuovi regolamenti ci sono delle soluzioni che hanno come scopo quello di affrontare i rischi che sono rappresentati dai cripto-asset.

Quando si tratta di criptovalute, le persone non sono coperte dalle norme dell’UE sulla protezione dei consumatori e spesso non sono ben informate dei rischi, il che potrebbe significare perdite di denaro” spiegano gli esperti. Ed è la verità,  non avere a disposizione delle regole riguardo l’uso diffuso delle criptovalute non fa altro che causare una certa instabilità finanziaria e poi anche: manipolazione del mercato e criminalità finanziaria.

Forse non tutti lo sanno, ma visto che le transazioni sono quasi sempre anonime, è facile pensare che le criptovalute vengano usate per attività criminali e per questo motivo è sempre bene tanto per cominciare conoscere bene il settore e poi sapere come proteggersi, in qualsiasi momento.

Articolo precedenteGmt Token: cosa sono e dove poterli acquistare?
Articolo successivoMina Crypto: di cosa si tratta e a quanto ammonta il prezzo odierno?
Argia Renda
Sono giornalista pubblicista dal 2019, ma la mia passione per il mondo della scrittura e del giornalismo nasce fin da quando ero bambina. Collaboro con testate giornalistiche online fin da quando ancora ero una semplice studentessa di Liceo. Una passione che mi ha sempre accompagnato e che ho ancora oggi la fortuna di potere chiamare lavoro. Sono una persona risoluta, positiva, capace di gestire situazioni di stress e abituata a lavorare in squadra, anche se da anni il mio lavoro è stare davanti ad un computer per molte ore. Adoro scrivere su diversi e svariati argomenti, negli anni ho toccato davvero tanti colori di cronaca. Sono soprattutto una persona curiosa, desiderosa di migliorare, imparare, innovare e sperimentare.