Alchemy pay cos’è e cosa c’è da sapere

61

Alchemy Pay che cos’è e tutto quello che c’è da sapere.

Alchemy Pay è stato ciò che ha permesso di trovare la prima soluzione di gateway di pagamento, così da riuscire a colmare la divergenza che c’era tra le monete fiat e quelle crittografiche.

L’obiettivo di questo progetto è quindi di facilitare i processi di pagamento per i consumatori, commercianti e istituzioni globali.

Questa piattaforma infatti consente ai commercianti sia offline che online, di accettare sia le monete fiat che le criptovalute attraverso un semplice inserimento di dati negli ecosistemi blockchain.

Tutto questo è possibile grazie a delle soluzioni blockchain e dei servizi DeFi che vengono configurati in base alle necessità dei veterani e per chiunque decide di approcciarsi per la prima volta alle criptovalute.

Attualmente Alchemy Pay (ACH) è supportato da oltre 70 paesi al mondo e ha a disposizione circa 300 canali di pagamento, con oltre 2 milioni di commercianti leader in questo settore.

Il token ACH è un ERC20 ed anch’esso, come tante altre monete digitali, si appoggia sulla blockchain di Ethereum.

Questa criptovaluta non è da moltissimi anni in circolazione, ma nonostante ciò si è già presentata bene sul mercato e fin dal primo momento il suo valore ha mostrato solo cenni di crescita.

Questi risultati nel mondo finanziario non sono affatto scontati, anzi, tutt’altro ed è questo principio che consente di vedere in ACH un progetto valido e sul quale investire.

Ma questo token può essere davvero un buon investimento a lungo termine? E soprattutto, su cosa si basa di preciso il suo progetto?

Vediamo insieme nel dettaglio, quelli che sono gli obiettivi di questa moneta virtuale.

Che cos’è ACH?

Alchemy è la prima criptovaluta che ha voluto risolvere quello che nel settore degli investimenti era un problema piuttosto comune: facilitare le transazioni.

Molto spesso ci si ritrova a parlare di un netto divario tra le monete fiat e le economie cripto.

Infatti, l’obiettivo di questo nuovo progetto è quello di colmare questa distanza tra le due monete digitali più discusse, offrendo ai propri utenti un accesso più facile e soprattutto senza interruzioni.

Come accennato, questo progetto non è esistente da tantissimo tempo ed i fondatori sono dei veri e propri leader aziendali.

Questo progetto dal momento del suo lancio è cresciuto sempre di più e questo ha fatto sì che nascessero una serie di collaborazioni strategiche: tra queste possiamo menzionare Binance e QFPay.

Queste partnership sono riuscite ad aumentare gli interessati a questa piattaforma, tramutandoli in un secondo momento in iscritti.

Questa serie di eventi positivi che si sono verificati per Alchemy pay, hanno permesso di aiutare i commercianti a puntare sempre di più in questa criptovaluta.

Con il tempo infatti, ACH si è vista arrivare sulla propria piattaforma tanti utenti provenienti da uno dei giganti degli e-commerce: Shopify.

Chi sono i fondatori di questa criptovaluta?

La piattaforma Alchemy Pay è stata fondata a Singapore nel 2017 ed il team di questo progetto ha visto arrivare tantissimi clienti solo dopo un anno dal lancio.

Il fondatore di ACH è una donna appassionata di blockchain: Molly Zheng.

Zheng, prima di lanciare questo progetto sul mercato aveva già maturato esperienza nei settori di fin-tech e blockchain, poiché era inquadrata come consulente senior in PayPal China.

Dopo questa esperienza decise di trasferirsi in HSBC China ed iniziò a lavorare come direttrice di GE Money e dopo svariati anni, divenne la rappresentante principale di MasterCard China.

Il suo assistito è Shawn Shi, che anch’egli ha avuto modo di lavorare negli stessi ambiti di Zheng.

La carriera di Molly Zheng è stata ricca di successi perché nel tempo è riuscita a diventare anche vicepresidente della tecnologia per la compagnia di assicurazione cinese ZhongAn.

Successivamente, divenne capo del dipartimento marketing per la società cinese di sicurezza “Internet Qihoo 360”.

In questo momento Shawn Shi e Molly Zheng sono presidenti congiunti del progetto Alchemy pay e insieme sono riusciti a far parte del consiglio di amministrazione di questa azienda.

Attualmente, secondo le informazioni che emergono su questo progetto, pare che ACH vede includere più di 60 dipendenti all’interno di questo team.

Come funziona il nuovo progetto Alchemy.

È ormai evidente che l’obiettivo dei Bitcoin fin dal principio fu quello di bypassare in qualche modo le valute standard che siamo abituati ad utilizzare quotidianamente.

Questo perché il buon e vecchio sistema, ogni tanto era soggetto a dei problemi abbastanza importanti.

Nei primi periodi infatti, molte persone erano soggette a prelievi da parte di terze persone dei propri soldi, vedendo il proprio conto corrente bancario clonato e bloccato.

Ecco che le criptovalute hanno come obiettivo quello di semplificare a pieno tutta questa serie di problematiche che le classiche banconote tutt’oggi presentano, anche se in maniera più limitata rispetto all’inizio.

I sistemi di monete digitali mirava appunto a creare un sistema di transazione più sicuro e più affidabile, laddove era proprio il cliente stesso a scegliere se pagare tramite una valuta fiat o una criptovaluta qualunque.

Questi pagamenti ad oggi sono facilitati grazie al progetto Alchemy Pay, che è un token che cerca di colmare questo divario che si è formato tra le valute fiat e le criptovalute.

Questi token inoltre sono accumulabili e possono essere pagati come se fossero delle commissioni, dove l’utente al termine della transazione può anche esprimere un suo parere attraverso un voto.

Alchemy Pay: qual è il fattore che la rende così interessante.

Questo progetto in realtà è il prodotto di una serie di raccolta dei principali mezzi tecnologici di pagamento fiat che provengono da Singapore e dalla Cina.

Tutte queste piattaforme hanno una svariata gamma di punti in comune, ma l’aspetto più importante e che di conseguenza fa spiccare loro, è la volontà di creare un ponte più pratico tra i sistemi di pagamento fiat e il pagamento in criptovalute.

Il sistema adoperato sulla rete Alchemy permette ai propri utenti di usufruire di entrambi i metodi di transazione, pagando finalmente in modo sicuro, flessibile e più conveniente su una scala globale.

È specialmente grazie ai sette sistemi di smart contract che vengono usati sulla piattaforma dell’analisi on-chain e del suo processo di consenso, che tutti questi obiettivi sono adesso raggiungibili.

L’ecosistema ACH offre ai propri utenti la possibilità di scelta di una vasta serie di transazioni delle criptovalute con pagamenti cross-chain, pagamenti peer-to-peer, pagamenti condizionali e pagamenti a garanzia.

Alcuni programmi vedono di alto profilo la valuta fiat e questo condiziona le loro mosse, ma Alchemy, nonostante ciò ha deciso di non fermarsi e di proseguire per la sua strada per creare un migliore sistema di pagamento.

Investire in questa moneta è conveniente al momento?

Ormai si sa fin dal principio che il mercato finanziario e quello delle criptovalute è continuamente soggetto a cambiamenti e i valori possono cambiare da un momento all’altro.

Ciò che però è certo è che il progetto Alchemy utilizza lo stesso protocollo di sicurezza dell’intero sistema blockchain appoggiandosi a Ethereum e ciò lo rende una moneta digitale sicura.

La sua rete infatti ha come compito principale quello di salvaguardare la piattaforma, proteggendola da qualsiasi attacco che potrebbe rivelarsi dannoso.

Ma come può la rete fare questo in maniera efficace?

In realtà è semplice: la rete è composta da un meccanismo di consenso proof-of-stake dedicato che funziona come un antivirus avanzato.

Questo meccanismo infatti non permette la convalida delle transazioni prima che esse abbiano raggiunto la blockchain.

È dunque senz’altro evidente che il compito della rete non è da poco, anzi, ha una responsabilità abbastanza importante sul tema sicurezza degli utenti.

Ecco che nel complesso si può quindi dire che questo progetto può essere senza ombre di dubbio, un buon investimento nel lungo termine.

Non a caso sono già parecchie le aziende che hanno fiducia in Alchemy e credono sia nelle criptovalute che nelle monete fiat.

Ma ciò che rende il progetto ACH accattivante ed interessante è la possibilità di guadagnare cifre importanti per ogni transazione compiuta.

Appurata tutta questa serie di concetti vantaggiosi nei confronti del progetto lanciato da Molly Zheng, sarebbe comunque opportuno fare delle ricerche in merito prima di decidere di acquistare questo token e investire su di esso.

Dove è possibile acquistare la moneta virtuale Alchemy Pay?

È giusto fare una premessa prima di elencare quali siano le piattaforme che mettono a disposizione questa criptovaluta.

Nessuno può prevedere il futuro e di conseguenza bisognerebbe fare delle ricerche su questa criptovaluta prima di procedere con l’acquisto.

Gli esperti in questo momento sostengono che le prospettive per il prezzo di Alchemy Pay siano positive e che con il tempo non farà altro che salire.

Ciò è senza dubbio rassicurante, ma come accennato, il mercato finanziario muta di continuo ed è dunque consigliato fare delle analisi appurate prima di comprare qualsiasi token.

Una lunga serie di aspetti positivi di questo progetto fa ben sperare i traders e gli investitori veterani che hanno messo gli occhi su questa moneta.

Tuttavia, chiunque in questo momento sta cercando di avvalersi di questo token al prezzo più basso possibile così da trarne dei profitti futuri.

Gli sviluppi che si stanno creando per questo progetto stanno facendo in modo che questa criptovaluta faciliterà a tutti gli effetti le transazioni e di conseguenza si spera che molte persone inizieranno a comprare il token.

È quindi chiaro che il futuro di Alchemy pay dipende da un’ampia serie di fattori ed è un progetto molto sensibile.

Messi in chiaro tutti questi aspetti, sei quindi sicuro di voler comprare questa criptovaluta sperando di raggiungere risultati interessanti e ti stai chiedendo dove si può acquistarla.

Ecco che in questo caso il suggerimento è quello di creare un account su un broker o un exchange di criptovalute tra i più noti come Binance, Coinbase, Huobi e BitWell.

L’iscrizione su questi portali in genere non ruba più di una decina di minuti, anche se il procedimento più lungo è quello della verifica di identità, anche se va considerato perché è quello più importante.

Bisognerebbe però considerare anche le commissioni di ogni singolo exchange, così da capire qual è quella più adatta alle esigenze.

Solitamente tutte le piattaforme danno la possibilità di controllare gli andamenti delle criptovalute in tempo reale, così da avere le idee più chiare.

In conclusione si può affermare che il progetto Alchemy pay è senza dubbio promettente e i traders e gli investitori esperti con il tempo potrebbero raggiungere delle soddisfazioni di una certa importanza, grazie agli obiettivi che si è posta la società.

Articolo precedenteMoss carbon credit cos’è?
Articolo successivoGitcoin per lo sviluppo open source
Nicola Dente
Sono un appassionato di trading online e di criptovalute da molti anni. Ho ottenuto splendidi risultati dai miei investimenti, investo regolarmente su azioni e criptovalute. Mi occupo anche di copywriting e posso considerarmi anche Seo specialist dal 2015. Quest'anno data la mia pluriennale esperienza ho deciso di fondare il blog d'informazione Bitcoininvestimenti, per condividere le mie conoscenze coi lettori, realizzare guide, scrivere news sempre aggiornate principalmente sul tema delle criptovalute. Resta sempre esplicito che chi volesse tentare un investimento in questi settori lo fa a suo rischio e pericolo ed è sempre consigliato farsi seguire da un consulente di fiducia.