Alchemix token cos’è e come funziona?

49

Alchemix token cos’è

Alchemix token è un sistema che è stato realizzato appositamente per far sì che gli utenti possano creare delle attività sintetiche all’interno del network. 

In questo modo, i detentori di questa criptovaluta possono depositare tutto ciò che hanno a disposizione per un loro rendimento futuro. 

La rete di questa moneta digitale permette ai propri clienti di ricevere dei prestiti istantanei flessibili, che nel tempo generano delle entrate interessanti.

Questo è un aspetto molto interessante, perché evita che i propri fondi vengano liquidati e che un utente vada a perdere anziché ottenere profitto.

I clienti di questa crypto possono depositare i propri token Ethereum per ricevere in cambio dei token alETH, andando a creare un rapporto di collateralizzazione del 400%.

Purtroppo, nel periodo iniziale questa moneta virtuale ha causato molti problemi ai suoi clienti.

Vi furono infatti tantissime persone che durante questa operazione persero ben oltre 2.200 token di Ethereum.

Fu così che i fondatori di Alchemy token, avviarono una campagna per aiutare i propri clienti a recuperare i loro ETH persi.

Per riparare al danno, l’idea fu quella di cambiare i propri token ETH per avere in cambio dei premi in NFT e ALCX.

Nel corso del tempo, gli utenti che acquistarono questa valuta si convinsero e provarono nuovamente a dare fiducia al progetto.

Alchemy Finance è un progetto che ha come obiettivo quello di diventare una DAO, che viene monitorata e gestita completamente dalla sua community.

Ciò che i fondatori vogliono è affidarsi totalmente alla finanza decentralizzata, appoggiandosi ad una governance che sia on-chain in tutto.

In futuro, i fondatori del token hanno promesso che una percentuale del rendimento del progetto andrà alla tesoriera DAO per pagare gli sviluppatori.

Questo ovviamente è un segno di gratitudine nei confronti del personale che lavora a questo progetto, poiché gli sviluppatori ricoprono un ruolo chiave.

L’elemento che differenzia ALCX dagli altri progetti, è che il processo che sta dietro per prendere in prestito altre risorse è completamente automatizzato.

In realtà, il meccanismo che comanda questa azione ricorda molto quello del token DAI, di cui il funzionamento è abbastanza simile.

Infatti, all’interno della rete di questa criptovaluta, gli utenti ricevono in modo automatico il prestito investendo la garanzia in aggregatori di reddito.

Per permettere tutto questo, all’interno del progetto vi sono quattro elementi fondamentali: Alchemix Dao, il trasmutatore, il caveau e il distributore di token.

Alchemix Dao è il punto chiave di questo funzionamento, poiché riesce a ridurre i tempi di produzione dei token.

Dopo di che abbiamo il trasmutatore che consente alle persone di mettere a rischio i loro valori sintetici, per poi tramutarli in risorse di base.

Così facendo, la piattaforma dà modo agli utenti di ricevere degli anticipi sui loro rendimenti, usufruendo della garanzia DAO.

Parlando della storia di questa crypto invece, i fondatori lanciarono sul mercato questo progetto nel 2021.

Chi sta a capo di questa nuova criptovaluta emergente è Scoopy Trooples: il co-fondatore di Alchemix.

Dopo aver lanciato questo progetto nel settore delle criptovalute, Trooples prese parte a delle interviste su YouTube con Gabriel Haines e Bankless.

Entrambi fanno parte della squadra che comanda il funzionamento di questa valuta digitale, che spalleggiano il portavoce Scoopy Trooples.

Al momento, il team che sta dietro a questo token ha dichiarato che ci sono dei progetti futuri per questa moneta digitale anche se non si sanno ancora i dettagli.

Di conseguenza, ciò che ci resta è fare un’analisi di questo token per capire esattamente come funziona e se può essere conveniente comprarlo.

Come funziona Alchemix token?

Alchemix token può essere definito come un portale in cui gli utenti possono depositare i propri token ETH per avere in cambio alETH.

I token che vengono scambiati in questo network possono essere messi in staking al token di governance o in scambi di finanza decentralizzati.

Vi sono invece altri utenti che prima di effettuare queste azioni, controllano la situazione e cercano di salvaguardare il loro portafoglio con soluzioni di prestito DeFi convenzionali.

Il progetto però risulta piuttosto interessante visto che dà l’opportunità di prelevare dei guadagni in anticipo.

Molte criptovalute non consentono questo ai propri clienti e questo aspetto, se ben curato, non può che essere vantaggioso per i fondatori di ALCX.

Alcune piattaforme come Yearn Finance e Curve Finance infatti, usano la garanzia per il cash farming, per proteggere i propri clienti da situazioni spiacevoli.

Ecco che per definire questo concetto in parole povere, è giusto dire che ALCX si avvale di prestiti che operano come unità di tempo, in cui gli utenti prendono in prestito i guadagni da loro stessi.

È però giusto specificare che questa moneta digitale non impone nessun tipo di accordo.

Infatti il protocollo di questa criptovaluta è basato sulla raccolta di entrate generate da delle specifiche attività che garantiscono il rimborso del prestito.

Questo significa che nessuna minaccia può impedire che il prestito venga rimborsato e che un utente vada a perdere le proprie liquidità.

La suddetta garanzia infatti resta bloccata fino a quando il prestito non viene totalmente rimborsato.

Se dovessimo parlare in termini di tempo, si può addirittura presupporre che un rendimento stabile del 20% può rimanere bloccato perfino due anni.

È proprio perché i rendimenti non sono mai stabili che questo blocco dura così tanto tempo e inoltre, Alchemix può generare prestiti da beni garantiti.

Il che significa che i prestiti non verranno più ripagati, se alla base non vi è nessuna fonte di reddito.

Tuttavia, se gli utenti vogliono comunque accedere al sistema di garanzia, possono riscuotere i loro beni in qualsiasi momento per liquidare in anticipo le casse.

In secondo luogo, c’è appunto il fattore che gli utenti possono prendere in prestito da loro stessi.

Ma cosa significa realmente questa affermazione?

Solitamente nei progetti di finanza decentralizzata, i prestiti vengono rilasciati da operatori finanziari tradizionali (TradFi).

In altri casi, sono altri progetti DeFi che vanno a coinvolgere un’altra parte che fornisce i fondi agli utenti, andando successivamente a monitorarne la situazione.

Così facendo, i clienti possono stare tranquilli poiché sarà proprio la terza parte a gestire la garanzia in caso di inadempienze.

Nel caso specifico della finanza decentralizzata invece, i prestiti vengono erogati da utenti e gestiti su una piattaforma che si occupa solo di questo.

Con Alchemix invece, la procedura è ben diversa poiché è come se gli utenti firmassero un accordo con la piattaforma per il proprio futuro economico.

Da qua si può quindi comprendere che il debitore e il creditore sono la stessa persona.

Pro e contro di Alchemix token?

Questo progetto, si è subito presentato come un token molto resistente e che potesse resistere ad eventuali situazioni finanziarie spiacevoli.

Il 19 maggio del 2021, ci fu un crollo di mercato di cui vennero rimborsati ben 662 milioni di prestiti DeFi su varie piattaforme.

Da questa problematica grossolana fino a in quel momento infatti, alchemix token

Fortunatamente questo problema venne risolto in sole 24 ore, anche se causò danni di un certo tipo agli investitori.

Per fortuna, il progetto di Scoopy Trooples non ha dovuto rimborsare nessuno dei propri clienti, uscendo quindi vincitori da questo inconveniente.

Anzi, in quel momento la società riuscì a trarre comunque dei profitti dato che alcuni investitori iniziarono a convertire Alchemix token in DAI.

In quei giorni ALCX scalpitò molto interesse e infatti la criptovaluta venne sempre più comprata in quel periodo preciso.

Alchemix token dovette aumentare la sua quantità yEarn, portando il suo limite da 100 milioni di token DAI a 300 milioni.

Nonostante ciò, questa criptovaluta emergente ha avuto anche le sue pecche: il 17 giugno del 2021, alcuni clienti scoprirono un bug piuttosto grave.

Questo bug significa denaro gratis per tutti gli utenti, che portò alcune persone ad ottenere più denaro di quello che realmente dovevano ricevere.

Il bug sopradescritto ha portato una grossa perdita in Alchemix, poiché vi furono almeno 2.700 token ETH andati persi.

Insomma, questo fu proprio un grosso guaio per la società che ha lanciato il token da pochissimo tempo.

Tuttavia, gli sviluppatori riuscirono a riparare al danno, poiché questo bug era dovuto da un errore presente nello script di distribuzione del vault alETH.

In qualche mese, gli sviluppatori contattarono chiunque avesse perso i suoi token Ethereum e restituì loro i propri guadagni.

Oltre a questo, per farsi perdonare per l’inconveniente, la soluzione proposta dal progetto fu quella di aumentare le tariffe del protocollo a chi fu vittima del bug.

I fondatori di questa criptovaluta, una volta che l’incidente venne risolto definirono questo errore come un classico incidente di percorso.

Ma ciò che alle persone probabilmente interessa di più è sapere se questa criptovaluta è conveniente oppure no.

Infatti, adesso è giusto procedere facendo una piccola analisi in cui viene detto se convenire in questo token può essere una mossa vincente.

Conviene investire in ALCX?

Come si può notare dalla storia di questa moneta digitale, gli sviluppatori non hanno vissuto solamente momenti di gloria.

Il mercato delle criptovalute è volatile e vi sono sempre molti aspetti da curare meticolosamente ed è per questo che serve un team competente.

Come si può aver capito, Alchemix token ha dovuto combattere contro varie insidie ma nonostante i problemi riscontrati, il suo futuro non sembra essere malvagio.

Fortunatamente ad oggi questa criptovaluta presenta un approccio decisamente rivoluzionario e una tecnologia all’avanguardia.

Non tutte le monete digitali infatti offrono la possibilità di richiedere dei prestiti di cui è possibile ricevere l’importo che si spetta in anticipo.

Inoltre, questa criptovaluta emergente ha tutto il potenziale per abbassare drasticamente i costi dei prestiti e sconfiggere la loro natura predatoria.

Questo aspetto dei prestiti è infatti superabile con Alchemix grazie al fatto che gli utenti possono richiedere dei prestiti, previsti dai loro redditi futuri.

Si può quindi affermare che il token ALCX presenta un grande potenziale per rendere sempre più fattibile il prestito crittografico.

Il protocollo di questa criptovaluta è capace di proteggere gli utenti dalle liquidazioni impreviste, che spesso vengono causate dalle mutazioni dei valori.

Anche le flessioni di mercato sono un elemento che contribuiscono nella mutazione dei valori di una crypto, ma nonostante ciò il progetto di Trooples è ben attrezzato per queste evenienze.

I mutuatari possono difatti accedere a una maggiore liquidità, poiché non hanno bisogno di collateralizzare in eccesso per difendere le proprie posizioni.

Quindi ad oggi risulta conveniente investire in questa criptovaluta, anche se forse bisognerebbe attendere ancora un attimo.

I fondatori del token hanno dichiarato che per il futuro sono previsti dei miglioramenti e quindi, potrebbero esserci dei risvolti interessanti.

Vediamo quindi adesso dove si può acquistare questo nuovo token e qual è il suo valore attuale in dollari americani.

Dove comprare Alchemix token

Il token ALCX è acquistabile su due piattaforme di compravendita e scambio di criptovalute molto conosciute.

Stiamo parlando di Coinbase e Binance: due exchange che ormai utilizzano sia gli investitori professionisti, che i principianti.

Entrambi le reti danno la possibilità di visualizzare gli andamenti di ogni valuta in tempo reale, così da agevolare la scelta del token migliore.

Prima di effettuare qualsiasi operazione però, bisogna registrarsi con un indirizzo mail e una password che siano sicure.

Successivamente, bisognerà verificare la propria identità attraverso un valido documento di identificazione dell’identità, come passaporto o carta di identità.

Fatto questo passaggio, si potrà definire il metodo di pagamento che si intende usare maggiormente e poi si potrà iniziare a fare trading.

Tornando ad Alchemix token invece, in questo momento il suo valore è di 20,55 dollari americani, ma gli esperti sostengono che possa aumentare.

In questo momento acquistare questo token potrebbe essere un affare, visto che ha un tasso inferiore rispetto ad altre monete digitali.

Comprare delle criptovalute che hanno un tasso basso, potrebbe aiutare gli investitori a guadagnare di più dai loro investimenti in crypto.

Secondo alcuni esperti, verso la fine del 2023 il token ALCX potrebbe addirittura superare la soglia dei 30 dollari americani.

Ovviamente, non bisogna aspettarsi un rialzo improvviso poiché in questo mercato gli aumenti sono graduali.

Ciò che però conforta chi ha già comprato questo token, è che i cali che vi saranno non saranno considerevoli.

Secondo alcune statistiche, il valore medio di questa criptovaluta verso la fine del 2023 dovrebbe essere di circa 24 o 25 dollari statunitensi.

Articolo precedenteRadicle token cos’è e come funziona?
Articolo successivoDFI.Money fork di Yearn Finance
Nicola Dente
Sono un appassionato di trading online e di criptovalute da molti anni. Ho ottenuto splendidi risultati dai miei investimenti, investo regolarmente su azioni e criptovalute. Mi occupo anche di copywriting e posso considerarmi anche Seo specialist dal 2015. Quest'anno data la mia pluriennale esperienza ho deciso di fondare il blog d'informazione Bitcoininvestimenti, per condividere le mie conoscenze coi lettori, realizzare guide, scrivere news sempre aggiornate principalmente sul tema delle criptovalute. Resta sempre esplicito che chi volesse tentare un investimento in questi settori lo fa a suo rischio e pericolo ed è sempre consigliato farsi seguire da un consulente di fiducia.