Not Crypto: cosa sono e come funzionano?

4
Not Crypto

Cominciamo subito con il significato del termine Not crypto o Notcoin, altro non sono che un token di gioco con all’attivo circa 35 milioni di utenti. Specialmente nel corso degli ultimi mesi questo termine è diventato molto discusso e popolare nel mondo delle criptovalute e infatti sono sempre di più le persone che stanno cercando di capire di che cosa si tratta e stanno prestando attenzione alla loro evoluzione, proprio per via del fatto che sempre di più stanno diventando coinvolgenti e sembrano promettere delle ricompense dal valore reale.

not crypto la nuova meme coin

Ora la domanda da porsi è la seguente: è possibile davvero che queste possano essere una moneta su cui investire e con cui giocare o non è più facile pensare che in realtà non siano altro che qualcosa di passeggero pronto ad essere dimenticato in pochi giorni?  Ebbene,  rispondere ad una domanda del genere non è sicuramente una cosa facile.

Oltre a quello che abbiamo appena detto, gli esperti sottolineano come il notcoin ha cominciato ad essere scambiato come un vero e proprio valore diluito, specialmente dal momento in cui è stato messo in distribuzione tramite airdrop e su diversi altri scambi.

“Il token ha accumulato un volume di scambi di 294 milioni di dollari nella prima ora di negoziazione” sottolineano gli esperti.

Ebbene, a questo punto, dopo essere entrati nel merito della questione, approfondiamo ancora di più il dettaglio: pare infatti che i primi ad essere riusciti a utilizzare questo gioco, che si può usare accedendo all’app Telegram, è stato chi è riuscito ad accumulare il maggior numero di notcoin tra i mesi di Gennaio e Aprile, utilizzando la moneta virtuale e riuscendo a completare quelle che sono state le sfide interne al gioco. Alla fine i saldi di gioco sono stati convertiti con un rapporto di 1000:1.

La fornitura massima di Notcoin è di 102 miliardi, di cui il 3% assegnato agli utenti di Binance Launchpool e un ulteriore 1,5% riservato agli utenti di OKX Jumpstart” hanno poi spiegato gli esperti e ancora: “Il progetto ha anche introdotto un meccanismo di staking per incentivare gli airdrop farmer a trattenere i propri token. Lo staking sarà necessario per “guadagnare premi extra” e ottenere l’accesso a pool di staking più redditizi in base al livello del giocatore nel gioco”.

A questo punto possiamo cercare di dipanare il significato di quanto detto prima, riuscendo a comprendere quelli che sono di fatto gli obiettivi che Not Crypto spera di potere raggiungere. Ad averne parlato è stato Sasha Plotvinov, che poi altro non è che uno dei co-fondatori di Notcoin. Ebbene, nella sua spiegazione lo ha presentato come un vero e proprio esperimento pronto ad entrare nel campo della distribuzione dei token.

La cosa principale da tenere in mente è che la cosa non è molto facile e questo perchè molti nuovi token comprati da investitori istituzionali, cosi come delle nuove criptovalute, hanno grande difficoltà a fare arrivare i token stessi ai membri della community. La volontà o per meglio dire il desiderio di Notcoin è quello di cercare di fare in modo che la loro distribuzione possa avvenire in modo equo e il più semplice possibile.

Plotvinov, sempre nel corso della sua spiegazione ha ammesso: “Spero che il progetto sia in grado di ricompensare i membri della Fondazione TON in modo divertente e gratificante. I token sono accessibili solo agli utenti che giocano all’interno dell’app”.

Ma non finisce qua, un secondo obiettivo di non poco conto che si vuole raggiungere con la Not Crypto è quella di rendere tutto più semplice possibile, il suo co-fondatore è certo di un fatto che al giorno d’oggi tra sistema di criptovalute e social media, tutto sia arrivato ad un livello di manipolazione non indifferente, per questo motivo, il team che è a lavoro su questo progetto, si è messo in testa di evitare di creare dei sistema di beta chiusi che portino ad un sistema decisamente troppo intricato. “Quello che vedi è quello che ottieni” questo è il motto che spinge il team ad impegnarsi per raggiungere il risultato che si è professato e che spera che si possa realizzare nel minore tempo possibile e senza nessun tipo di conseguenza. Si tratta a tutti gli effetti di un vero e proprio credo imprescindibile.

Ora, arrivati a questo punto della questione, ecco un altro quesito da porsi: come funziona il mondo legato ai Not Crypto? Come detto prima, tutto parte scaricando e attivando il programma di messaggistica di Telegram, una volta fatto questo, tutte le persone che vogliono farne parte, avranno la possibilità di guadagnare dei gettoni attraverso il gioco clicker, lo stesso che di fatto permetterà loro di potere completare dei compiti molto semplici toccando l’icona della moneta che si trova sullo schermo. Ogni tocco permetterà che venga aggiunto un conto ulteriore Notcoin.

L’energia diminuisce e arriva al limite a mano a mano che si continua a giocare e a toccare. Energia che poi viene restituita nel periodo in cui non si gioca. Ma non finisce qua, tutti i giocatori possono usare le monete anche per comprare dei potenziamenti o anche per decidere se ricevere dei potenziamenti gratuiti ogni giorno. Una volta ottenuti si può anche decidere se usare i potenziamenti stessi per delle abilità proprie o per ricaricare le riserve di energia.

Ovviamente, la cosa importante di cui tenere conto è che non esiste un metodo diverso per comprare questi potenziamenti e di certo non si può utilizzare la valuta reale, quindi gli unici giocatore che possono provvedere all’acquisto, sono coloro che utilizzano i notcoin. Infine, a ricevere degli altri vantaggi sono gli utenti premium, che possono anche ricevere dei gettoni bonus. E poi, accumulando sempre più energia, i giocatori possono anche avanzare di grado, riuscendo a raggiungere dei gradi più alti come Argento o Platino.

Not Crypto: come funziona l’Airdrop di Token e ha senso investire su Notcoin?

Arrivati a questo punto si deve tenere conto di un particolare ben preciso, gli utenti stanno andando verso la possibilità concreta di riuscire a scambiare la loro valuta Notcoin con gettoni di criptovaluta del mondo reale. Gli sviluppatori del gioco sono arrivati alla conclusione che la fase di mining del gioco è arrivata alla sua fine il 31 Marzo 2024 e quindi adesso gli utenti potranno riuscire a convertire le loro valute di gioco in valuta digitale. A potere accedere a questo beneficio sono i partecipanti al gioco e tutti gli utenti che riescono a completare in modo positivo il compito di dovere cliccare sull’icona della moneta. Già a cominciare dalla prime settimane di Aprile, la cosa sembra avere visto il suo punto di via.

Quindi, Notcoin ha intenzione di convertire la sua valuta di gioco in token di criptovaluta e anche se ancora non si sa di preciso a quanto ammonta il tasso di conversione, una cosa è certa tutto questo progetto non farà altro che modificare il tasso di cambio, in base al numero degli utenti che riusciranno ad estrarre Notcoin.

“Non  sono disponibili molte informazioni sul funzionamento della tokenomics di NOT. Senza lunghi white paper o eccessive campagne di marketing, Notcoin (NOT) si impegna a fornire un’esperienza semplice e senza complicazioni ai suoi utenti” spiegano gli esperti che poi aggiungono: “Di conseguenza, gli utenti non sono informati sulle modalità specifiche di assegnazione dei token o sulle caratteristiche dell’offerta di token. Fino a questo momento sono stati estratti circa 8,9 trilioni di notcoin. Ad ogni modo, a causa del fatto che il programma brucia i notcoin degli account non più attivi, la quantità finale di NOT può apparire leggermente diversa”.

Ora però ci poniamo una nuova domanda, ovvero: ha senso valutare di investire in Not crypto e quindi nel sistema dei Notcoin? Partiamo da un presupposto, che Notcoin è al momento una delle criptovalute di cui si parla maggiormente in questo 2024, tra gli aspetti più importanti che ci sono al suo interno ci sta anche quello di essere caratterizzata da un gioco particolare che si chiama clicker e oltre ad avere tanti utenti che hanno sempre di più interesse a guadagnare con il gioco stesso, ha il vantaggio di essere supportato da una reputazione affidabile che è quella che deriva da TON. Tuttavia, nonostante l’investimento potrebbe anche essere redditizio, ci sta da mettere in conto un particolare importante: come succede per le altre monete, anche questo al suo interno presenta dei rischi.

Ma quali sono? Tanto per cominciare non ci sono informazioni disponibili su questo progetto o su quelli che possono essere gli aspetti legati al futuro e di base, al momento, non ha davvero un valore significativo ad esclusione di quello di dare piacere. Poi in seconda battuta, una volta che viene effettuato il lancio di questi Not Token, è possibile che si vada incontro ad una volatilità, la stessa che ha come conseguenza il fatto che la moneta possa non avere una crescita a lungo termine. Infine, da non sottovalutare il fatto che il lancio di questa moneta è avvenuto ancora da troppo poco tempo e quindi le cose potrebbero non essere state messe a punto nel modo giusto.

Insomma i punti di domanda sono davvero tanti e al momento riuscire a dare una risposta circa il fatto se sia meglio investire oppure no in questa moneta, non è davvero cosi semplice. Una cosa è certa, il Not Crypto resta di certo una criptovaluta che vale la pena prendere in considerazione e quindi esaminare, specialmente per chi tra gli utenti è interessato alle monete meme che continuano ad essere molto popolari e tanto diffuse tra gli esperti del settore, senza contare il fatto che hanno dei sostenitori molto devoti che perorano la causa.

Per finire, la raccomandazione resta sempre la stessa, quando si tratta di criptovalute, la cautela è sempre d’obbligo, specialmente quando ci si trova davanti alla decisione di provare a investire denaro in Notcoin. Partecipare al gioco in modo gratuito è un conto, mettere di mezzo dei capitali reali, richiede grande attenzione e esperienza nel settore, cosi da non rischiare di perdere tutto quanto.

Per cui, anche se i punti di domanda che non hanno ancora una risposta sono tanti, quello che è certo è che i Not Crypto o per meglio dire i Not Coin, si possono con certezza presentare come una nuova generazione di meme coin che ha come scopo quello di intrattenere con il loro contenuto. Allo stesso modo è certo il fatto che sempre un grande numero di persone hanno dimostrato interesse per questa criptovaluta e questo non è un dettaglio da poco, ciò che continua ad appassionare i giocatori resta il sistema di referral e alle sue leghe classificate.

Non resta quindi che attendere per cercare di capire che cosa succederà con il passare del tempo e se davvero questo tipo di criptovaluta riuscirà ad imporsi sul mercato o se come si è accennato prima, non farà altro che restare in auge per un determinato lasso di tempo. Le risposte, certamente, no tarderanno ad arrivare.

Se anche te sei appassionato di meme coin e vuoi provare a possederne qualche manciata puoi creare un account su Binance, dopo di che seguire tutta la procedura richiesta, a questo punto sei in grado di avere tranquillamente i tuoi Not crypto.

Articolo precedenteCos’è la vendita allo scoperto e come funziona?
Articolo successivoBinance Crypto: di cosa si tratta e come funziona?
Argia Renda
Sono giornalista pubblicista dal 2019, ma la mia passione per il mondo della scrittura e del giornalismo nasce fin da quando ero bambina. Collaboro con testate giornalistiche online fin da quando ancora ero una semplice studentessa di Liceo. Una passione che mi ha sempre accompagnato e che ho ancora oggi la fortuna di potere chiamare lavoro. Sono una persona risoluta, positiva, capace di gestire situazioni di stress e abituata a lavorare in squadra, anche se da anni il mio lavoro è stare davanti ad un computer per molte ore. Adoro scrivere su diversi e svariati argomenti, negli anni ho toccato davvero tanti colori di cronaca. Sono soprattutto una persona curiosa, desiderosa di migliorare, imparare, innovare e sperimentare.