Dividendi azionari: come funzionano

38

Se anche tu investi sempre in azioni, sicuramente ti interesserà conoscere meglio i dividendi azionari e le loro caratteristiche. I dividendi ti danno infatti la possibilità di aumentare moltissimo i guadagni grazie agli investimenti di indici azionari. Questo è uno strumento che solitamente viene erogato dalle aziende che permettono di investire nelle loro azioni, per incentivare le azionisti a continuare a puntare in esse.

Possiamo definire i dividendi come una parte di quota della società, che viene distribuita agli azionisti più attivi. Purtroppo non esiste un criterio specifico sulla base del quale le aziende decidono di erogare i dividendi azionari ai propri investitori. Questo perché sarà proprio l’azienda stessa sulla base di determinate situazioni a decidere a chi erogare o meno i propri dividendi.

Ad ogni modo, questo è sicuramente un ottimo aspetto da tener presente nel momento in cui si vuole puntare in titoli azionari. Investire in aziende che offrono anche la possibilità di puntare sui loro dividendi è sicuramente molto utile per diversificare il portafoglio e arricchirlo sempre di più. Inoltre è corretto specificare che non esiste soltanto un tipo di dividendo, ma ne esistono veramente di svariati tipi.

Anche in questo caso però, la tipologia di dividendo che le aziende mettono a disposizione verrà scelto dalla società stessa durante un’assemblea specifica. In quel momento la società si ritroverà con tutti i membri per discutere del tipo di dividendo da offrire e anche in quale quantità. Nel momento in cui l’azienda avrà le idee chiare a quel punto, tutte le informazioni verranno messe a disposizione degli azionisti che potranno decidere se investire o no.

Solitamente è difficile che un investitore oppone resistenza nel momento in cui si ritrova davanti un dividendo, visto che consente di aumentare i propri guadagni. Bisogna però anche in questo caso capire se è veramente il momento giusto di investire oppure no, perché non sempre questa può rivelarsi una buona opportunità. Generalmente i dividendi vengono distribuiti agli investitori su una base temporale specifica che viene stabilita già durante l’assemblea.

Nel momento in cui tutto sarà ben definito, gli azioni si riceveranno una sorta di contratto dove avranno tutto nero su bianco in merito ai soldi che riceveranno. I pagamenti possono essere anche di svariati tipi, anche se solitamente si opta per gli straordinari e gli ordinari. Nel primo caso, come dice la parola stessa, questi vengono distribuiti solamente in via straordinaria e solitamente in altre azioni.

Per ricevere i dividendi sotto forma di denaro invece bisognerà cercare tutte quelle aziende che li offrono in maniera ordinaria. Purtroppo però non è facile determinare quali sono le aziende che erogano i dividendi sotto queste forme, poiché le cose possono sempre cambiare a seconda di varie situazioni. Questo è il motivo per cui infatti ti suggerisco di informarti bene sulle aziende che decidono di offrire questo asset, per poi capire se conviene investire.

Facendo uno studio mettendo a confronto tutte le aziende, riuscirai a capire quelle che sono le reali opportunità del momento e quali presentano maggiori rischi. Eseguendo un’analisi fondamentale, riuscirai anche ad avere una panoramica più completa sull’azienda potendo capire se il suo andamento tende di più al ribasso o al rialzo. Questi sono tutti aspetti che devi tenere in conto se vuoi realmente ottenere delle soddisfazioni con i tuoi investimenti finanziari.

Cosa sono i dividendi azionari

Cosa sono i dividendi azionari?

I dividendi azionari vengono come abbiamo anticipato sono delle porzioni di quotazione che le aziende mettono a disposizione per i propri azionisti. Non sempre però vengono offerti, poiché queste decisioni dipendono da tutti i membri del consiglio di amministrazione che valutano il tutto in un’assemblea apposita. Inoltre questa forma di denaro può essere conferita agli azionisti in svariate modalità, a seconda delle situazioni e delle esigenze.

Questo è il motivo per cui nonostante siano davvero molto validi, non è facile capire effettivamente quali sono gli asset su cui conviene puntare in questo caso. Generalmente le aziende decidono di conferire i dividendi e i propri azionisti su base mensile, trimestrale, semestrale oppure annuale. Anche questo è un aspetto che viene definito in assemblea, dopo aver capito anche quale tipo di dividendo si vuole erogare agli azionisti.

Va però specificato che le aziende che mettono a disposizione le proprie azioni, non sono obbligate a erogare i dividendi. Questa infatti è una scelta che dipende necessariamente dalla società e dai propri obiettivi a livello finanziario. Sulla base di questo poi sarà l’azienda stessa a decidere se dare i propri dividendi oppure no ai propri investitori. 

I dividendi vengono incassati solo dagli azionisti della società, quindi sono esclusi altri tipi di stakeholders come ad esempio gli obbligazionisti, che non sono soci. Come si può intuire infatti, nel momento in cui un’azienda dà i propri dividendi azionari, vuol dire che sta attraversando un periodo abbastanza positivo. Solitamente è infatti difficile che le società mettono a disposizione questa quota di mercato nel momento in cui gli affari stanno girando male.

Come guadagnare con i dividendi?

Un azionista può guadagnare in più modalità grazie ai dividendi, visto che questi strumenti sono un ottimo mezzo di diversificazione. Ovviamente quello più semplice è possedere più dividendi possibili, accumulandoli così sotto forma di indici azionari o denaro liquido. Questo è sicuramente uno dei metodi più facili, ma anche uno dei più rischiosi nel caso in cui il mercato dovesse andare al ribasso.

Questo è il motivo per cui suggerisco sempre di analizzare il mercato prima di prendere qualsiasi decisione di investimento. Facendo delle analisi potrai infatti capire se conviene investire oppure no in una determinata azienda. Se sei alle prime armi, ti consiglio di avvalerti di strumenti di contenimento del rischio che possono aiutarti a mitigare il più possibile il pericolo di perdita.

In questo modo riuscirai comunque ad investire sulle azioni sulle quali hai messo gli occhi, ma senza rischiare troppo il tuo capitale. Un altro metodo per riuscire a guadagnare dai dividendi azionari, è sicuramente dall’ammontare di questi ultimi. Naturalmente, come ci si può immaginare, più azioni si possiedono e più alto sarà il dividendo che potrai ricevere.

In questo caso di solito le aziende tendono a pagare i propri azionisti tramite altre azioni della società stessa. Ovviamente questo è più raro perché si sa che i titoli azionari hanno un costo abbastanza alto, non accessibile a chiunque. Solitamente è più facile ricevere i dividendi sotto forma di denaro liquido, visto che impongono anche meno vincoli all’azienda stessa.

In questo modo l’azienda evita di drenare capitale finanziario fuori dalle attività produttive. Pagando in denaro l’azienda riesce a mantenere l’appetibilità della società con una remunerazione per gli azionisti sotto forma di quote societarie.

I dividendi azionari influenzano il prezzo delle azioni?

I dividendi azionari sono in grado di influenzare anche il prezzo dei titoli azionari, poiché vanno incidere parecchio sulla valutazione finale. Naturalmente, è quasi inutile dire che le azioni con dividendi sono quelle più redditizie e che possono garantire maggiori rendimenti. Purtroppo però non è sempre detto che abbiano un impatto positivo sul mercato, visto che tutto dipende dall’andamento.

Nel caso in cui delle società dovessero mettere a disposizione dei dividendi azionari, se la domanda non sarà alta, potrebbe anche verificarsi un calo. In questo caso infatti la società potrebbe risentirne e il valore dell’azione potrebbe iniziare a fluttuare parecchio. Questo purtroppo è un rischio che le aziende devono sempre tenere in considerazione prima di offrire i dividendi ai propri azionisti.

Solitamente però, è più facile che un dividendo azionario invogli gli azionisti ad acquistare i titoli di quella determinata società. Questo perché, entrando a far parte di una determinata azienda è più probabile che nel tempo si possano iniziare a ricevere dei dividendi. Tutti gli investitori che amano puntare in azioni infatti, solitamente scelgono questo tipo di aziende proprio per questo motivo specifico.

Se la società è quotata in Borsa ovviamente ci sono molte più possibilità di ottenere profitti elevati grazie ad una strategia di investimento consolidata. Generalmente conviene puntare su tutte quelle aziende abbastanza famose, proprio come Eni, Enel, oppure le principali banche italiane come Intesa San Paolo e UniCredit. Queste sono le principali aziende che offrono dividendi azionari davvero elevati e inoltre vedono quasi sempre la loro valutazione in positivo.

Migliori dividendi azionari 

Quali sono i vari tipi di dividendi?

Come abbiamo anticipato, esistono davvero tantissimi tipi di dividendi azionari che gli investitori possono ricevere. Al primo posto abbiamo il dividendo residuo, che si basa su una gran parte dei guadagni per futuri progetti aziendali o altre iniziative. Purtroppo però questi sono dei dividendi che non vengono pagati con cadenza regolare, visto che solitamente vengono retribuiti su base annuale o semestrale.

In questo caso infatti l’ammontare del dividendo dipende dall’andamento di mercato che l’azienda ha in quel lasso di tempo. Dopo di che abbiamo il dividendo stabile, che invece è quello che la società paga con cadenza regolare ogni mese oppure su base trimestrale. In questo caso è molto più semplice capire quello che potrebbe essere l’andamento di mercato, poiché il pagamento viene erogato sul breve termine. 

Infine abbiamo il dividendo ibrido che è un mix tra quello stabile e residuo, visto che viene pagato su base regolare ogni mese o trimestrale. In questo caso, se l’azienda vede il suo valore aumentare, fornisce ai suoi azionisti anche dei dividendi speciali come premio.

Dove comprare le azioni con dividendi?

Se ti piace investire in azioni e ti stai chiedendo dove puoi trovare i dividendi azionari, in realtà non esiste una risposta precisa a questa domanda. Questo perché come abbiamo detto prima, non tutte le società che offrono gli investimenti in azioni permettono di possedere anche i loro dividendi. Dovrai infatti scovare tutte quelle che sono le aziende con dividendi azionari per poi investire su di esse su portali appositi.

Solitamente, tutti quegli exchange finanziari come Coinbase e Binance che permettono di investire anche in azioni, dispongono anche di quelle con dividendi. Per avere una conferma però, dovrai assicurarti di questo visitando direttamente il sito web della piattaforma che ti interessa. Entrambi i broker sono abbastanza affidabili e sono tra i migliori che puoi trovare in circolazione visto che non richiedono neanche un capitale minimo per investire.

Proprio per la loro natura infatti questi sono portali che attirano l’attenzione anche di investitori alle prime armi con poco budget. Un aspetto positivo di queste piattaforme è che ti consentono anche di valutare i prezzi in tempo reale con dei grafici appositi. In questo modo riuscirai a farti un’idea più precisa dell’andamento di mercato, così da prendere decisioni di investimento sensate e intelligenti.

Articolo precedenteDiritto di opzione: a cosa serve?
Articolo successivoEffetto moltiplicatore nel trading
Nicola Dente
Sono un appassionato di trading online e di criptovalute da molti anni. Ho ottenuto splendidi risultati dai miei investimenti, investo regolarmente su azioni e criptovalute. Mi occupo anche di copywriting e posso considerarmi anche Seo specialist dal 2015. Quest'anno data la mia pluriennale esperienza ho deciso di fondare il blog d'informazione Bitcoininvestimenti, per condividere le mie conoscenze coi lettori, realizzare guide, scrivere news sempre aggiornate principalmente sul tema delle criptovalute. Resta sempre esplicito che chi volesse tentare un investimento in questi settori lo fa a suo rischio e pericolo ed è sempre consigliato farsi seguire da un consulente di fiducia.