Golem token la criptovaluta che unisce i pc in una sola rete

35

Golem token cos’è

Golem token è una criptovaluta che si appoggia sulla blockchain ERC-20 di Ethereum ed ha un solo obiettivo: raggruppare tutte le risorse computazionali in unico network.

Questo token è stato uno dei primi ad essere costruito sulla blockchain di ETH e le persone lo identificano come un supercomputer capace di mettere in contatto venditori e acquirenti per qualsiasi tipo di calcolo.

Naturalmente, usando i sistemi di calcolo di questa moneta digitale, gli utenti ricevono delle ricompense in token GNT.

Uno dei suoi punti a favore è il fatto di essere decentralizzato e questo lo rende un token sicuro, visto che non si appoggia ad altre autorità o entità.

Da quello che emerge, la volontà dei fondatori di questa valuta è quello di costruire una rete aperta a tutti, in cui le persone effettuano scambi di criptovalute, in modo totalmente sicuro e appoggiati da una tecnologia innovativa.

Inoltre, il sito ufficiale del token nativo mette a disposizione per gli utenti un blog che viene costantemente aggiornato e fornisce tutorial sulla sua tecnologia all’avanguardia.

Per diversi anni questa moneta virtuale è rientrata nella classifica delle top 20 criptovalute, anche se successivamente venne scavalcata da altri progetti più avanzati.

Nonostante ciò, il suo valore è ancora buono e questa moneta non sembrerebbe promettere male, anzi.

Vediamo quindi più nel dettaglio che cos’è questo token e se per il futuro può essere conveniente acquistarlo.

Che cos’è la moneta virtuale Golem?

Come accennato, questa moneta virtuale viene considerata un supercomputer, visto che chiunque può accedere ai sistemi di calcolo del network tramite qualsiasi dispositivo.

Il fatto di avere a disposizione un meccanismo di questo tipo, è sicuramente favorevole perché non vi sono tantissimi token che offrono questo servizio accessibile a chiunque.

Da questi presupposti infatti, golem token viene definito un token di finanza decentralizzata ma anche un vero e proprio mercato per la potenza di calcolo.

Il sistema di questa moneta digitale è collegato dalla criptovaluta nativa Golem-Coin (GNT), che si appoggia alla blockchain di ETH.

Il token nativo di questo progetto collega il processo di outsourcing sotto il sistema del cloud computing, attraverso il contratto intelligente.

Quello che sperano gli sviluppatori di questa moneta virtuale, è che nel corso del tempo il token possa diventare un elemento fondamentale per i provider di servizi sul web e lo sviluppo dei software.

Ovviamente, con la possibilità di effettuare qualsiasi calcolo, questo obiettivo non sembrerebbe essere lontano, visto che questa operazione non ha un costo così alto sulla piattaforma.

Inoltre, il token permette ai suoi utenti di prendere in prestito delle risorse dal computer dagli altri utenti, che servono per effettuare determinate operazioni in breve tempo.

La criptovaluta Golem può essere identificata sul mercato come Platform as a Service (PaaS) e come Infrastructure as a Service (IaaS), per via dei suoi servizi offerti.

Non appena vengono inserite le soluzioni software nell’equazione, il token sblocca tutto il suo potenziale, pubblicando il software nel registro dell’applicazione.

Eseguendo questo passaggio, tutti possono creare e distribuire dei software all’interno della piattaforma.

Anche gli sviluppatori possono usufruire della rete di questo token, poiché al suo interno possono usare il Transaction Framework per adattare il processo di pagamento, dando il via a nuovi sistemi di monetizzazione.

Le persone che si interessano a questo token inoltre, possono utilizzare questa criptovaluta per ottenere ricompense per il pagamento delle commissioni di transazione e la governance del protocollo.

All’interno del sistema, vi sono anche delle persone che comprano questa valuta ogni giorno o ogni settimana, utilizzandola per fare trading per guadagnare denaro extra.

Insomma, golem token è una moneta digitale che viene utilizzata per diversi scopi e non poteva essere diversamente visti i servizi che offre.

Ma chi ha inventato questo token e quanto intende investire in questo progetto? Scopriamo chi è il fondatore di questa criptovaluta e capiamone la storia che c’è dietro.

Chi ha fondato il token GLM?

Il progetto di questa criptovaluta è guidato dalla società Golem Factory, che annunciò il progetto nel 2016.

Successivamente, nel 2018, vennero lanciati sul mercato i primi token di questa azienda in ICO con un’operazione di crowdfunding.

Questa operazione si concluse con risultati davvero ottimi, poiché la società riuscì a raccogliere la bellezza di 8 milioni di dollari.

Il tesoretto raccolto dalla società, fu poi investito per implementare dei servizi aggiuntivi nel network della criptovaluta, così da renderla sempre più accattivante.

Stando a guardare i fondatori del token e quindi chi c’è a capo del progetto, dovremmo citare: Aleksandra Skrzypczak, Andrzej Regulski, Piotr Janiuk e Julian Zawistowski.

Come accennato, l’idea di questo progetto si basava sul fornire delle risorse informatiche, che potessero supportare gli sviluppatori nei progetti impegnativi senza coinvolgere autorità esterne.

Presentando questa idea, il team riuscì nel giro di pochissimo tempo a raccogliere 8,6 milioni di dollari in ETH vendendo oltre l’80% della sua offerta totale.

Questo risultato ha fatto subito ben sperare chi decise di investire in questo token e fu proprio per questo motivo, che qualche anno fa questa criptovaluta era una delle migliori in circolazione.

Inizialmente, il token di questa criptovaluta venne costruito sulla propria rete, per poi spostarlo sul livello 2 di Ethereum divenendo un token ERC-20.

Successivamente, a novembre del 2020, gli sviluppatori migrarono il token facendo in modo che le valute GNT possono essere migrate 1:1 ai nuovi token ERC-20 GLM.

Come si può notare, vi sono quindi una serie di note positive in questo token che sembrerebbero definirlo uno dei migliori token emergenti.

Vediamo però in modo più approfondito come funziona questa criptovaluta e se davvero può essere conveniente comprarla.

Come funziona Golem token?

 Da quello che si è potuto capire dalle caratteristiche di questa criptovaluta è che il suo funzionamento si basa interamente sulla potenza di calcolo.

Infatti, il token Golem per fare questo si affida all’algoritmo di consenso Proof of Stake (PoS) che rende le valute GNT non minabili.

Il processo sul quale si basa il nuovo token è quello del calcolo distribuito, che non è altro che un sistema in cui tanti computer comunicano fra loro nonostante siano indipendenti.

Ciò che rende questo token unico infatti, è la possibilità di far girare tantissimi tipi di software all’interno del sistema di diversi settori.

Oltre a questo, questa moneta digitale può essere utilizzata anche per eseguire diverse operazioni di mercato come sviluppare e rivendere i propri software sul network.

Nel corso del tempo, dopo aver implementato dei mezzi informatici all’avanguardia, il token GLM ha cercato di avvicinarsi sempre di più ai colossi informatici come Google, Amazon IMB e Microsoft.

Queste aziende al giorno d’oggi controllano il mercato informatico a mani basse, ma gli sviluppatori di Golem hanno capito che il loro modo di funzionare non potrà durare per sempre.

La fornitura di sistemi informatici sulla piattaforma di questa criptovaluta si basa sullo scambio da parte di fornitori individuali e aziendali, dove tutti possono vantare di una grande varietà di software specifici.

Per permettere questo, la piattaforma del token richiede che questo processo sia gestito da tre gruppi differenti, ovvero:

  • Richiedente: è colui che richiede le risorse informatiche, come l’hardware del computer per il quale l’investimento non risulta essere conveniente.

Di conseguenza, il richiedente ha bisogno di affittare questa potenza di calcolo per portare a termine il progetto efficacemente.

  • Fornitore: il fornitore è quella persona che detiene una grande quantità di risorse IT gratuite, che non usa mai o comunque le utilizza temporaneamente.

 Ecco che ai fornitori, usufruire la potenza di calcolo di questa criptovaluta risulta assolutamente conveniente, poiché riescono a rivendere le loro risorse informatiche.

Naturalmente, i fornitori si fanno pagare in golem token per questo genere di operazioni.

  • Piattaforma di Golem: naturalmente non può mancare la piattaforma della criptovaluta a monitorare tutte queste procedure.

 In questo senso, il token nativo funge come un organizzatore di mercato superiore che riesce ad abbinare domanda e offerta.

Inoltre, gli sviluppatori della valuta tengono sempre sotto controllo le transazioni dando sicurezza a ciascuna parte. 

Per spiegarla in breve, il procedimento di fornitura di calcolo funziona in questo modo: il fornitore pubblica la sua offerta della potenza di calcolo.

In un secondo momento, ci sarà un contatto con un potenziale acquirente e successivamente, la piattaforma del token nativo farà incontrare le due parti interessate allo scambio di risorse IT.

Naturalmente, se le due parti si incontrano e va tutto a buon fine, l’acquirente potrà usare la potenza di calcolo del fornitore.

Questo procedimento viene eseguito tramite uno scambio di dati che vengono elaborati con l’immagine VM della criptovaluta, che consente di lavorare su più fronti.

Una volta che l’accordo è stato formalizzato, sarà compito della piattaforma emettere una fattura al richiedente e il fornitore riceverà in cambio delle monete digitali GLM.

Come si può dedurre, vi sono quindi una serie di aspetti positivi di questa criptovaluta che spingono le persone a comprarla ed a investire su di essa.

Naturalmente, ci sono delle persone che ne fanno anche altri utilizzi visto che questa valuta dà la possibilità di eseguire diverse operazioni sul suo network.

Prima di dire dove si può comprare questo token, vediamo quindi quali sono gli utilizzi più comuni per questo token e se conviene comprarlo.

Conviene investire nella criptovaluta Golem?

Naturalmente, ciò che dà valore a questa moneta digitale è la possibilità di comprare e vendere servizi informatici di calcolo.

Questo è un aspetto che raramente si vede sul web, a meno che non si parli dei colossi informatici che tutti conoscono.

Ovviamente, i fornitori di servizi informatici, dopo aver venduto i propri mezzi guadagnano dei token Golem e nella maggior parte dei casi è questo fatto che spinge loro a effettuare certi scambi.

Inoltre, il sistema di questa criptovaluta mette a disposizione per gli utenti il controllo sul mercato P2P, ovvero un prestito tra privati direttamente sulla sua piattaforma nativa.

Aderire a queste attività, è sicuramente vantaggioso per chi esegue queste operazioni, poiché riceve in cambio dei token GLM.

Come si può infatti dedurre, è principalmente la possibilità di scambiare risorse informatiche che rende questa criptovaluta unica nel suo genere.

Tuttavia, bisogna anche considerare l’utilità, la tecnologia e la capacità tecnica di questa valuta che essendo totalmente decentralizzata, si identifica come una piattaforma sicura.

Chi ama investire in criptovalute o fare trading, guarda molto anche l’aspetto della sicurezza e quando ci si ritrova davanti una piattaforma di questo tipo diventa difficile non investire in lei.

Se volessimo parlare di numeri, potremmo dire che momentaneamente vi sono 1.000.000.000 di token GLM in circolazione.

Questo accade perché gli sviluppatori hanno messo a disposizione una fornitura limitata di token, proprio per salvaguardare il suo valore in caso qualcosa andasse storto.

Sotto un certo aspetto, avere un numero di token limitato può essere buono, poiché anche il numero di token che potranno essere coniati sarà basso e questo meccanismo funge come anti-inflazione.

In sostanza, gli sviluppatori del token hanno ammesso che tutte le monete GLM che devono essere in circolazione sono già state create.

Golem token: dove comprarlo.

In questo momento il valore di golem  token è pari a 0.258 dollari americani, ma ciò che pensano gli investitori più esperti è che il suo valore è destinato a crescere.

Naturalmente, il suo valore può crescere anche grazie alle persone che decidono di diventare fornitori di sistemi informatici all’interno del network.

Per diventare un provider di servizi IT sulla piattaforma del token nativo, l’utente dovrà installare ed eseguire il Golem Provider Agent, in modo che la sua macchina funzioni da nodo GLM.

Una volta installata la piattaforma richiesta dal token, gli utenti saranno liberi di pubblicare le proprie offerte e attendere l’offerta del primo acquirente.

Oltre a questo, chi ama costruire delle applicazioni, sarà contento di sapere che su questa piattaforma può anche a promuovere le proprie app.

Come si può notare, questa criptovaluta dà una serie di vantaggi difficili da riscontrare in altre monete virtuali e sono proprio questi aspetti che fanno sperare in una crescita esponenziale del suo valore.

In conclusione, questo token è acquistabile su due exchange di criptovalute molto conosciuti: Binance e Coinbase.

Entrambi richiedono che l’utente si registri con un indirizzo di posta elettronica valido, accompagnato da una password sicura e una verifica dell’identità.

Tutti e due gli exchange sono consigliati poiché sono sicuri e inoltre, consentono di monitorare l’andamento di ogni token in tempo reale.

Oltre a questo, sia Coinbase che Binance, si presentano con dei sistemi tecnologici all’avanguardia che permettono loro di posizionarsi tra i migliori exchange di criptovalute.

Articolo precedenteSuperfarm crypto che cos’è
Articolo successivoLivepeer crypto cos’è e come funziona
Nicola Dente
Sono un appassionato di trading online e di criptovalute da molti anni. Ho ottenuto splendidi risultati dai miei investimenti, investo regolarmente su azioni e criptovalute. Mi occupo anche di copywriting e posso considerarmi anche Seo specialist dal 2015. Quest'anno data la mia pluriennale esperienza ho deciso di fondare il blog d'informazione Bitcoininvestimenti, per condividere le mie conoscenze coi lettori, realizzare guide, scrivere news sempre aggiornate principalmente sul tema delle criptovalute. Resta sempre esplicito che chi volesse tentare un investimento in questi settori lo fa a suo rischio e pericolo ed è sempre consigliato farsi seguire da un consulente di fiducia.