Alt Layer cosa sono e cosa sappiamo del loro funzionamento?

0
Alt Layer: come funzionano

La piattaforma Alt Layer è stata creata o per meglio dire sviluppata con un preciso scopo, ovvero quello di evitare qualsiasi tipo di difficoltà, con la presenza di questa applicazione, anche i rollup esistenti avranno modo di potere ottenere un vero e proprio beneficio e anche una maggiore sicurezza in aggiunta a una maggiore finalità e un sequenziamento decentralizzato. Ma non finisce qua, il funzionamento di questa applicazione permette di offrire anche quella che ad oggi è considerata una vera e interfaccia user-friendly, un dettaglio che di fatto da la possibilità a chiunque di potere riuscire a creare dei nuovi rollup in pochi minuti senza la necessità di dovere aggiungere nessun tipo di codice.

Per capirci meglio con il sistema legato all’Alt Layer sarà possibile avere una soluzione che di fatto consentirà ai rollup di potere soddisfare una vasta varietà di requisiti e applicazioni, senza considerare il fatto che grazie ad essere tutti gli utenti e operatori potranno trovare una soluzione alle applicazioni decentralizzate che utilizzano i rollup, senza il problema di dovere trovare delle difficoltà per quello che concerne la decentralizzazione.

E a questo punto si arriva alla definizione, con il termine Alt Layer ci riferiamo ad una piattaforma blockchain che è stata sviluppata con il preciso scopo di potere affrontare i rollup e infatti cosi come spiegano gli esperti del settore: “Attraverso l’uso di AltLayer, è possibile avviare rollup di livello 2 ad alte prestazioni senza bisogno di scripting. Inoltre, la piattaforma offre funzionalità in grado di migliorare la verifica dei rollup in corso, facilitare il sequenziamento decentralizzato e accelerare il processo di finalizzazione”. Al momento la piattaforma ha sviluppato Restaked Rollups come perfetta soluzione per i rollup attuali, infatti lo stesso da la possibilità di trovare una soluzione per tre particolari importanti che sono: il numero inadeguato di validatori sul Layer 2, i tempi di finalizzazione ritardati sul Layer 1 di Ethereum (ETH) e la dipendenza da un nodo sequenziatore centralizzato.

Nel corso del tempo sono state tante le soluzione che si sono cercate di trovare, tra queste anche moltissimi kit di sviluppo software, tra cui: OP Stack, Arbitrum Orbit, ZK Stack e Polygon CDK: il particolare di cui tenere conto è che un numero non poco irrisorio di questi rollup è formato proprio da soluzioni piccole costruite per singole applicazioni e a causa della loro dimensione ridotta, in più di una occasione le piattaforme rollup non hanno fatto altro che trovare delle difficoltà per potere garantire una esecuzione della verifica decentralizzata.

Il problema più significativo è che a volte non possiedono un numero sufficiente di validatori per garantire alti livelli di sicurezza. Oltre a risolvere questo problema, il pacchetto di strumenti che Alt Layer fornisce risolve anche altri problemi tipici delle piattaforme rollup”.

Insomma per capirci meglio, Alt Layer ha come obiettivo principale quello di aiutare le piattaforme di rollup a potere risolvere tutti gli eventuali problemi legate alle lunghe durate di finalizzazione di Ethereum che delle volte possono arrivare a toccare dai tredici ai venti minuti, una condizione di lentezza non indifferente specialmente quando si parla di applicazioni sensibili come i giochi o magari i social media.

Ma non finisce qua, sempre alcuni rollup o per meglio dire un numero significativo di essi, ha a che fare con un ennesimo problema di non poco conto, ovvero la dipendenza da un singolo sequenziatore centralizzato: nel caso specifico si tratta di un responsabile delle organizzazioni delle attività di elaborazione dei blocchi. Il discorso da tenere a mente è che Alt Layer è sviluppato con il preciso scopo e intento di potere risolvere quelli che sono i vari problemi grazie alla fornitura di servizi di rete decentralizzati.

“Oltre a migliorare i rollup già esistenti, AltLayer permette di lanciare rapidamente un’ampia varietà di rollup in pochi minuti e non necessita di alcuna codifica. Le reti di rollup possono essere costruite in meno di cinque minuti utilizzando la funzionalità Rollup-as-a-Service (RaaS) di AltLayer. Questo fornisce a chiunque un modo semplificato per installare soluzioni Layer 2 personalizzate” hanno spiegato infine gli esperti.

A questo punto però arriviamo ad una domanda fondamentale: che cosa sappiamo circa in funzionamento di Alt Layer? Per quello che concerne sempre il discorso legato ai rollup, lo stack di Alt Layer è stato sviluppato con un sistema modulare, lo stesso che permette agli utenti e ai clienti di potere scegliere tra tante diverse soluzioni e infatti in questo modo, tutti i clienti possono scegliere tra una grande varietà di livelli di run-time anche quelli che si basano su EVM o WebAssembly (Wasm); livelli di disponibilità dei dati, come il Layer 1 sottostante o scelte esterne come Celestia (TIA). Per non parlare poi dei livelli di regolamento come Ethereum e per concludere sempre i rollup collegati a Alt Layer riescono ad avere un alto grado di flessibilità riuscendo anche a adattarsi a diversi livelli e sistemi di domanda.

Con Alt Layer è possibile anche ricevere delle comunicazioni nel caso in cui si vada incontro a delle transazioni fraudolente, per capirci bene a delle frodi, una situazione che è fortemente in contrasto con la maggior parte di piattaforme rollup che esistono al momento e che danno la possibilità solo ad un numero limitato di persone di potere segnalare transazioni fraudolente. Per questo motivo, dal punto di vista della sicurezza, tutto appare migliorato. Ma non finisce qua, un altro modo per migliorare la sua sicurezza è quello legato alla finalizzazione a strati, gli esperti spiegano: “Il Beacon Layer, che funziona come sequenziatore decentralizzato e fornisce un livello di interconnessione tra i rollup e il Layer 1, è il mezzo per raggiungere questo obiettivo. Per garantire il massimo livello di precisione possibile nella conferma delle transazioni e preservare l’integrità della rete blockchain, il processo di finalizzazione dei blocchi è suddiviso in tre livelli distinti”.

Detto questo, è tempo di porci una seconda domanda, ovvero quale sono le caratteristiche legate a Alt Layer?

Rollup con un Restaked:  serve per potere migliorare quelle che sono le piattaforme di rollup che già esistono, infatti grazie a questo sistema si può andare incontro ad una verifica decentralizzata superiore e anche una finalizzazione più rapida e delle procedure decisamente migliori dal punto di vista del sequenziamento. Il dettaglio ancora più importante quando parliamo appunto di verifica dentralizzata è quello relativo al livello AVS che è utilizzato da Restaked Rollups  e si chiama VITAL, cosi come spiegano gli esperti: “Una rete di validatori che verifica i dati transazionali presentati da una rete di nodi nota come SQUAD (vedi sotto) è resa disponibile ai rollup basati su AltLayer con l’assistenza di questa funzionalità. VITAL è particolarmente utile per i rollup di applicazioni specifiche che sono molto piccoli e quindi spesso non hanno accesso a reti di validatori enormi”.

MACH: questa funzione invece ha come scopo una finalità più rapida, grazie ad esso si può andare incontro ad un aumento del livello AVS che migliora e in modo netto la finalizzazione delle transazioni commerciali, si tratta dunque di una componente essenziale che permette anche di vedere ridotto il tempo relativo alla finalizzazione che passa da 13-15 minuti normali a dieci secondi netti in meno.

SQUAD: in questo caso parliamo invece del sequenziamento decentralizzato SQUAD che poi è anche il nome ufficiale componente Restaked Rollups, responsabile del miglioramento della decentralizzazione del sequenziatore.  Ma che cosa fa? Per capirci bene il livello SQUAD è una vera e propria rete di nodi che permette a tutti di unirsi come un vero e proprio validatore per potere poi funzionare come un componente della rete decentralizzata di sequenziatori.

Alt Layer: che cosa sappiamo del token legato ad esso?

E arriviamo alla terza e pur sempre importante domanda: che cosa è il token Alt di AltLayer? Il token Alt è una vera e propria criptovaluta che appartiene ad Alt Layer, proprio nel mese di Gennaio del 2024 è stata lanciata in modo ufficiale e insieme al suo debutto è arrivata anche una campagna di airdrop che è durata un mese e che è stata chiamata Airdrop Season One. Con questo sistema circa 300 milioni di token vengono assegnati a degli utenti qualificati, chi lo riceve è di fatto una persona coinvolta in operazioni che hanno a che fare con staking e restaking su una delle tante piattaforme partner come ad esempio possono essere: EigenLayer e Celestia.

Ovviamente è sempre importante valutare diversi aspetti prima di decide di investire in token e quali sono? Si tratta di alcune caratteristiche che seppure appena arrivato sul mercato, il token ha già dentro di se e sono:

  1. Scalabilità e finalità: questa piattaforma Alt Layer è adatta per le applicazione che sono legate al gioco, è importante tenere conto che nel mondo delle blockchain, il gioco d’azzardo è davvero in espansione e quindi questa piattaforma non fa altro che mettere a disposizione un sistema per potere capitalizzare tutte le opportunità disponibili del settore. Si tratta di un sistema o per meglio dire di un framework che si chiama Turbo rollup framework.
  2. Potenziale: AltLayer ha dentro di se un enorme potenziale che fa in modo che possa sempre di più emergere nell’ambiente dell’elaborazione delle transazioni come token non fungibile e infatti grazie ad esso non solo è possibile regolare quelle che sono le transazione ma si riescono anche a gestire le campagne NFT su larga scala. “AltLayer ha organizzato un evento chiamato AltLayer OG Badge NFT Drop, progettato per promuovere l’efficienza e le capacità dell’azienda nel supportare operazioni di gestione NFT su larga scala e ad alta intensità di risorse. L’evento è stato una vetrina delle competenze di AltLayer nell’elaborazione degli NFT, che sono state recentemente mostrate” hanno rivelato gli organizzatori.
  3. Le applicazioni decentralizzate (DApps): ebbene si le applicazioni che usano diverse catene e protocolli sono sempre di più al centro dell’attenzione, quello che è importante tenere a mente è che Alt Layer non fa altro che distinguersi nell’ambiente legato o per meglio dire adatto ai rollup, gli stessi che riescono a rendere più facile la connessione che esiste tra le diverse blockchain. Quello che poi rende la piattaforma ancora più interessante è il fatto che gli sviluppatori cerchino sempre il modo di potere capitalizzate quella che è la crescente necessità della capacità multi-chain.
  4. Il servizio RaaS è anch’esso un elemento importante e decisamente promettere e questo perchè grazie ad esso è possibile lanciare le reti di rollup in pochissimi minuti e senza il bisogno di nessun tipo di codifica. Anche se è un sistema che difficilmente i semplici appassionati di criptovalute potranno utilizzare, è allo stesso tempo un servizio che attira moltissimo l’attenzione. Gli esperti del settore sottolineano: “Grazie all’utilizzo di RaaS, questi segmenti hanno la possibilità di ridurre le spese e i tempi di sviluppo dei rollup.Inoltre, i clienti sono in grado di distribuire quasi tutte le configurazioni di rollup che desiderano, utilizzando gli strumenti di personalizzazione molto versatili che sono disponibili sulla piattaforma”.
Articolo precedenteMantra Crypto: cosa sono e come funzionano?
Articolo successivoPixel Crypto: cosa sono e in che modo funzionano?
Argia Renda
Sono giornalista pubblicista dal 2019, ma la mia passione per il mondo della scrittura e del giornalismo nasce fin da quando ero bambina. Collaboro con testate giornalistiche online fin da quando ancora ero una semplice studentessa di Liceo. Una passione che mi ha sempre accompagnato e che ho ancora oggi la fortuna di potere chiamare lavoro. Sono una persona risoluta, positiva, capace di gestire situazioni di stress e abituata a lavorare in squadra, anche se da anni il mio lavoro è stare davanti ad un computer per molte ore. Adoro scrivere su diversi e svariati argomenti, negli anni ho toccato davvero tanti colori di cronaca. Sono soprattutto una persona curiosa, desiderosa di migliorare, imparare, innovare e sperimentare.